La Luce blu perché è considerata nociva per gli occhi?

La Luce blu perché è considerata nociva per gli occhi?

Cos’è la luce blu? Danni e protezione per gli occhi

Oggi il tempo che trascorriamo davanti ai dispositivi digitali è in crescita sia per lavoro sia per svago.

PC, Smarthphone, Tablet e Tv accompagnano le nostre giornate esponendoci a una costante radiazione elettromagnetica degli schermi.

Oltre alla luce led dei dispositivi anche la luce allo xeno e le lampadine a risparmio energetico ci espongono a una differente composizione spettrale che contiene una quantità di luce blu molto più elevata rispetto a un tempo, comportando conseguenze negative per gli occhi.

Le sorgenti luminose che ci circondano facilitano la nostra vita ma la luce blu che emanano, con la sua lunghezza d’onda corta, ha una maggior frequenza ed energia.

Centro Ottico Cavallaro, esperto del settore ottico, attento alla prevenzione e al benessere della tua vista mette a disposizione la sua professionalità per consigliarti come proteggerti dalle emissioni di Luce Blu

Come proteggersi dalla luce blu emessa dagli schermi di smartphone, tablet e computer

luce blu cos'è cosa provoca come difendersiPer capire come proteggerci, dobbiamo conoscerla meglio:

La luce che raggiunge e penetra nell’occhio umano è suddivisa in spettro visibile, nelle lunghezze d’onda tra 380 e 780 nm, e spettro non visibile, che include la luce nel campo dell’ultravioletto (luce UV) e nel campo dell’infrarosso (luce IR).

La componente blu della luce tra 380 e 500 nm è nota come luce visibile ad alta energia (HEV).

In particolare le lunghezze d’onda blu – violette comprese tra 380 e 440 nm sono accusate d’essere causa della foto retinite cioè del danneggiamento della retina.

Una quantità eccessiva di luce nell’intervallo ultravioletto e blu – violetto può danneggiare l’occhio in duplice modo:

  • provocando un’infiammazione dolorosa della congiuntiva e della cornea;
  • causando danni al cristallino (per es. cataratta) e alla retina (degenerazione maculare).

I disturbi riportati con maggiore frequenza dopo una giornata trascorsa davanti ad un terminale sono, infatti, irritazione e affaticamento oculare.

Luce blu: cos’è, cosa provoca e come difendersi

Non solo i computer: i dispositivi mobile emettono moltissima luce blu, con la loro diffusione sono aumentati anche gli effetti negativi sulla propria vista e sintomi invalidanti come:

  • occhi rossi, occhi stanchi, occhiaie, un generale affaticamento oculare;
  • astenopia accomodativa: fatica a mettere a fuoco, cefalea, emicrania:
  • affaticamento visivo con visione a tratti velata;
  • occhio secco e sindrome dell’alterazione del film lacrimale soprattutto per i portatori di lenti a contatto;

I device mobili oltre a modificare lo spettro luminoso a cui siamo esposti, hanno anche stravolto le nostre abitudini visive perché trascorriamo tutti molto più tempo guardando “da vicino” comportando disidratazione della cornea dovuta a una fisiologica diminuzione dell’ammiccamento, è invece quando guarda da lontano che l’occhio umano si rilassa!

Nella mia professione mi è capitato più volte di veder arrivare persone allarmate perché pensano di essere diventate improvvisamente presbiti, in giovane età: non vedono più da vicino, hanno difficoltà a mettere a fuoco e generalmente se ne accorgono guardando lo smartphone.

Ma cosa è successo in realtà?

Semplice, hanno passato anche per un breve periodo troppe ore davanti alla luce blu di PC e smartphone, l’occhio è stanco non mette più a fuoco, la soluzione in questi casi è un occhiale con lenti che schermano la Luce Blu.

Come proteggersi dalla luce blu di Pc, tablet e smartphone

come proteggere occhi luce blu emessa smartphone TV PC tabletPer ovviare a queste evenienze quindi è consigliato utilizzare occhiali dotati di lenti appositamente trattate per schermare i raggi di Luce Blu, anche non graduati, in grado di proteggere l’occhio durante l’esposizione e da utilizzare durante la giornata lavorativa trascorsa al PC, guardando la TV e fissando lo smartphone.

Un occhiale con lenti che schermano la luce blu può essere portato anche da chi non ha bisogno di lenti correttive, e soprattutto è molto importante per chi porta le lenti a contatto.

Luce blu, adottare sistemi di protezione al lavoro

Luce blu: è importante, adottare sistemi di protezione al lavoro per proteggere i tuoi occhi

Lavori davanti al PC? Porti le lenti a contatto?

In particolare, chi porta le lenti a contatto e lavora davanti al PC, si sottopone a continue radiazioni di luce blu e sarà soggetto alla disidratazione dell’occhio e quindi della lente stessa provocando un maggiore affaticamento visivo e rossore oculare e fastidio.

Il filtro blu è un trattamento per lente da vista chiara, applicabile come strato ulteriore che attenua la luce blu nell’intervallo compreso tra 380 e 450 nm non solo protegge i vostri occhi ma contribuisce anche a garantire una visione più nitida, migliora il contrasto, riduce l’abbagliamento e i riflessi sulla lente e quindi migliora notevolmente il comfort visivo.

Inoltre l’esposizione alla luce blu in orari serali, prima di dormire influenza il ritmo circadiano perché inibisce la produzione di melatonina alterando il ritmo sonno- veglia, può portare a insonnia e rovinare la qualità del sonno.

In conclusione è importante, senza cadere in allarmismi esagerati, trasmettere la consapevolezza dell’esistenza di strumenti di protezione che ci aiutino a vedere in maniera migliore e più rilassata.

Per ricevere maggiori informazioni e una consulenza sulle tue esigenze di schermatura dalla Luce blu non esitare a contattare il tuo ottico a Padova “Centro Ottico Cavallaro“, vieni a trovarci in negozio troveremo la migliore soluzione per garantire il tuo benessere visivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*